PRESENTAZIONE ON LINE MONTIANO 2017 - FAMIGLIA COTARELLA | The Winesetter
2748
post-template-default,single,single-post,postid-2748,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-16.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

PRESENTAZIONE ON LINE MONTIANO 2017 – FAMIGLIA COTARELLA

Montecchio, 20 novembre 2020 – Nella giornata di oggi è presentata la nuova annata di Montiano 2017 (100% Merlot) in una webinar che ha coinvolto Dominga e Riccardo Cotarella e l’enologo Pier Paolo Chiasso già responsabile di Montiano 2016, vino dalla straordinaria ricchezza aromatica, concentrazione e struttura.

L’azienda nasce nel 1979 producendo vini della tradizione dell’alto viterbese, ma un viaggio a Bordeaux nel 1988 fa scattare in Riccardo il desiderio di creare un grande rosso nel Lazio, esattamente tra Montefiascone e Monterubiaglio, dove è nato. Decide così di innestare uva a bacca rossa in un territorio dedicato da sempre a uva a bacca bianca, una decisione che si è confermata vincente.

La grafica e l’etichetta sono quelle innovative e nuove del 2016 di cui Enrica Cotarella è stata fautrice: dall’etichetta al tappo, dalla serigrafia della bottiglia alla carta velina personalizzata in cui viene avvolto, dal cofanetto di legno alla capsula innovativa e unica nel suo genere.”

Oltre la presentazione di Montiano 2017, abbiamo confrontato tre annate 2015, 2016 e proprio l’ultima annata 2017. Un netto segno di innovazione le annate successive alla 2015, segnate non solo dal cambio di etichetta. La zona di produzione si trova a Montefiascone e Castiglione in Teverina, ettari totali 35, altitudine vigne 300 mt s.l.m, terreno di origine vulcanica, ricco di scheletro, sistema di allevamento cordone speronato, densità per ceppi : 4.200 per ettaro, produzione per ettaro 45 quintali, età media delle vigne 15 anni.

Di seguito le mie considerazioni.

MONTIANO 2015 Rosso rubino intenso. Viola, mora e ciliegia marasca sotto spirito. Sentore di vaniglia e cannella. Accenno di pietra focaia. Erbe officinali (salvia e rosmarino). Sorso corposo, caldo, buona freschezza, tannini fitti a tratti ancora “da domare”, ottima persistenza.

MONTIANO 2016 Rosso rubino intenso, quasi impenetrabile. Profumi di rosa, frutta a bacca rossa: amarena, fragola molto mature. Note di eucalipto, leggera spezia, legno di cedro sul finale. Sorso fine, elegante, leggiadro, fresco. Tannini setosi, richiama il frutto e chiude in un finale molto persistente e salino.

MONTIANO 2017 Rosso rubino profondo. Profumi di mora, amarena “Fabbri”, rosmarino e timo. Spezie orientali e pepe bianco. Ben delineati i sentori, grande pulizia olfattiva. Al palato è sorprendentemente elegante, fine, sorso molto scorrevole, ottima freschezza, Già pronto adesso, darà grandi soddisfazioni negli anni.

Le mie conclusioni e la mia annata preferita : 2017 e ora vi spiego perchè.

Prima di tutto il passo e lo stile rispetto alla 2015 sono cambiate nelle due annate successive: sparisce la nota di vaniglia, il legno è sapientemente dosato, la 2016 è un’annata perfetta, lo avevo gìà detto lo scorso anno per la presentazione a Milano, oggì è solo una conferma. Nella 2017 si vede la continuità del percorso di identità iniziato nel 2016, quindi coerenza nello stile. Pertanto, tenendo a mente che l’annata 2017 resterà famosa per il clima molto caldo, riuscire a non realizzare un vino troppo sontuoso, corposo e insieme elegante, credetemi non è facile. Non me lo aspettavo, come non mi aspettavo già ad oggi tannini tanto levigati, addirittura (ribadisco, sempre pura percezione personale) più fini della 2015.

Quindi spero di essermi spiegata: 2016 grande annata, anche più facile dal punto di vista climatico, passatemi la considerazione. 2017 annata difficile: comunque grande vino.

Ringrazio la famiglia Cotarella per avermi invitato a questa presentazione, con la speranza di poter alzare i calici presto ma non più virtualmente.

Simona Geri – The Winesetter –

No Comments

Post A Comment